+39 011 90.15.204 fax +39 011 90.34.987 registro@autobianchi.org

Rosignano Monferrato Assemblea

ASSEMBLEA DEI SOCI A ROSIGNANO MONFERRATO
Il Registro Autobianchi adora il Monferrato! Quest’anno l’evento è stato molto interessante ed ha coinvolto tantissime persone che si son trovate alla Distilleria di Rosignano che compie 100 anni. Il programma, organizzato dal fiduciario Danilo Maniscalco e da Paolo Pensa dell’Associazione “3 rose”, prevedeva momenti culturali, turistici ed enograstronomici.Già la sala dell’enoteca era affollata per il Memorial intitolato a Giorgio Gastaldi, dirigente Abarth, principe del Trofeo Autobianchi. La storia dell’esaltante presenza e della sua passione è stata commemorata dal figlio Luca, giornalista, che ha narrato momenti indimenticabili e commoventi della storia corsaiola. Quale testimonianza di questi e tant’altri, ha donato ai felici partecipanti della giornata. possessori di A112, il libro autografato, ch’è pietra miliare del Rally, “La stirpe dei campioni” scritto da Marina Terpolilli nel ’91, giornalista ns. socia romana e, del quale, Giorgio Gastaldi fu l’artefice per la disponibilità e collaborazione nella realizzazione, nonché appassionato editore. La proiezione del film “la Bianchina e l’Autobianchi a Torino ed in Fiat” ha entusiasmato e le copie del DVD sono state donate, assieme alla grappa ed al vino. La dr.a Flavia Curti, quale rappresentante della Regione Piemonte per il Turismo, s’è complimentata dei tanti aspetti importanti che toccano i ns. eventi, non solo raduni d’auto. Il dr. Oliva, Presidente del Comitato regionale del C.O.N.I., s’è congratulato per la tanta vitalità da noi dimostrata. Il Comm. M.llo Marco Viada, storiografo dell’Arma dei Carabinieri, fu lieto di poter coordinare il raduno con le Campagnole Fiat della benemerita. Bella la visita al Castello d’Uviglie del conte Bricherasio, al parco, alle sale ed all’aperitivo nel ristorante del Castello, ricordando che proprio qui si riunirono nel 1899 i fondatori della F.I.A.T. L’Assemblea del Registro Autobianchi è stato un momento riservato ai soli soci e li ha visti molto attenti. Erano presenti 23 soci con diritto al voto, 23 con delega, 10 soci non aventi diritto al voto, deleghe non valide n. 6. Come da statuto ha presieduto il presidente Marco Lerda, mentre l’assemblea all’unanimità ha nominato Laura Lodi segretaria. Il Presidente ha esposto la situazione generale del Registro Autobianchi e la crescita in termini di soci e di autovetture censite divise per modelli, in Italia e nel mondo, proiettando vari grafici su schermo, tra applausi per il lavoro condotto. Indi ha dato lettura della relazione dei revisori dei conti ed ha illustrato il rendiconto del 2007 ed conto di previsione per l’anno 2008, entrambi approvati all’unanimità dall’assemblea. Il Conservatore del Registro G. Neirotti s’è detto entusiasta di tante belle auto restaurate ad hoc ed il C.T. E. Accomasso, anche a nome degli altri Commissari, ha elogiato i molti soci ricordando loro la disponibilità dei tecnici per ogni informazione. Laura Lodi ha evidenziato l’aspetto sociale, culturale e solidale di tutti gli incontri degli associati. M. Cagnacci, probiviro, è intervenuto sull’aspetto generazionale che vede onnipresente ai raduni, ed al rapporto genitori-figli, molto importante anche per tramandare un aspetto della ns. cultura qual è l’auto storica, nonché il fine sempre presente della solidarietà. C. Casari da Lecco, che ha da sempre collaborato col Registro Autobianchi sia per il Gaslini, che Ricerca su Cancro, si è detto lieto che in questo incontro si contribuisca ad un’associazione benefica. S’è poi battuta un’asta coi ricambi donati da D. Camerana ed il ricavato di 500 euro verrà consegnato alla Comunità La Cordata di Ferrere d’Asti con certificato ufficiale. Al pranzo dal menù tipico monferrino il condimento era la grande armonia, soddisfazione e divertimento. Premiati i disegni delle bimbe, commentati dalla dr.a Curti alla quale è stato donato poster di Jacovitti con 112. Crest con targa del Registro è stato donato a Viada e Gastaldi e le coppe, offerte in memoria di Odobez e Cortese, hanno reso felici i meritori. Insomma tutti erano carichi di doni ed anche gli zainetti di Ribaldone venivano messi in auto, ed indossato il berretto blu….via per il tour. Rosignano è il paese delle rose, e le Campagnole dell’Arma portarono la colonna di auto attraverso percorsi incantati. A volte il canto degli uccelli accompagnava lo sgommò dei più patiti su e giù per i crinali mozzafiato. Verde, verde, rigoglìo di magica natura e odori di terre generose. Rosso, giallo, blu, arancione il color delle auto in perfetta armonia nelle foto ricordo. Primo pit-stop al Circolo Valmasia, accolti da applausi, caffè e digestivi; ripreso il percorso fra vigne in germoglio e rocce di tufo, ultima tappa per la merenda alla Polisportiva di Rosignano con fette di torta e brindisi con un arrivederci a tutti. >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> *** LA STORIA DEL TROFEO *** >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Più di trent’anni fa la Fiat inventò quello che per i giovani sarà il trampolino di lancio del rallismo italiano, europeo e mondiale. Il “Campionato A112 Abarth 70 HP”. Come realizzò l’idea? Pensando a quale era l’handicap maggiore per chi desiderava partecipare ai rally: l’elevato costo della vettura, della preparazione, dell’assistenza in gara e di tutti gli accessori connessi. La Fiat inaugura così la manifestazione che negli anni a venire sarà il vero e ineguagliabile trampolino di tanti giovani anonimi ma aspiranti piloti: la formula Autobianchi, cioè il Campionato A112 Abarth 70 Hp, con la A112 che esce direttamente dalla linea di montaggio di Desio. È la politica giusta, nata in Italia ed unica al mondo, che permette a moltissimi giovani di mettersi in luce ed emergere utilizzando la berlinetta stradale allestita con pochissime modifiche: auto strettamente di serie con l’obbligo di montaggio di un kit di accessori e elementi di sicurezza a basso costo. In che modo l’Azienda spiegò il successo di questa formula? “Con il crescere dei costi la partecipazione ai rally sta diventando sempre più difficile per molti appassionati e tende a trasformarsi in un fatto di èlite anche economica, in una situazione del genere, non è facile individuare i nuovi piloti validi, i giovani destinati al naturale ricambio degli elementi già affermati” sosteneva all’epoca Cesare Fiorio. Che proseguiva così: “Chi può permettersi di mantenere una vettura ultra potente e super preparata ha già in partenza maggiori possibilità sugli avversari, che hanno magari talento, ma minor mezzi economici. Con la nostra formula abbiamo cercato di aggirare l’ostacolo, perché le A112 Abarth 70 Hp che hanno partecipato al Trofeo erano vetture strettamente di serie con le poche modifiche permesse al Gruppo 1 e quindi assolutamente uguali negli allestimenti e nella preparazione. Altro aspetto importante del problema è il fatto che i piloti gareggiano nel campionato A112 sugli stessi percorsi dove si svolgono le gare di campionato italiano, l’unica differenza è la brevità del tracciato che viene ridotto, trattandosi di una formula addestrativa, a circa 400 km. Questo terreno di gara dà a tutti la possibilità di misurarsi con gli assi del rally sugli stessi percorsi e sulle stesse prove speciali. In questo modo i neopiloti acquisiscono un’esperienza preziosa per la loro attività futura. Come le monoformule adottate a scopo didattico e propagandistico in pista sono state capaci di formare autentici campioni, così il campionato A112 dovrebbe poter addestrare una nuova generazione di piloti rally: un ottimo biglietto da visita per un equipaggio ed un eccellente trampolino di lancio”. Eccoci quindi all’esordio della “Formula Autobianchi”, avvenuto alle 22.30 dell’11 marzo 1977 con la partenza del Rally Il Ciocco con pioggia, grandine e nebbia. Vince l’equipaggio Fusaro-Deola con quasi 4 minuti di vantaggio sul secondo classificato Orlandini-Auferi. Al secondo appuntamento, il rally di Sicilia, Attilio Bettega con la moglie Isabella (sposini in viaggio di nozze), vince la gara. La prima delle 5 vittorie su 14 gare che portano a Bettega il primo Campionato A112 70 Hp, seguito in classifica finale da Fusaro. Ed è con la prima edizione che inizia la consuetudine di permettere al miglior pilota di esordire con una vettura ufficiale al rally della Valle d’Aosta come premio aggiuntivo, in accordo con la politica del Gruppo Fiat che è quella di valorizzare i giovani. Bettega partecipa con la Lancia Stratos e Fusaro con la Fiat 131 Abarth Rally. Le prove valevoli per il campionato A112 Abarth 70 Hp 1978 sono 14. All’inizio della seconda stagione, l’eredità di Attilio Bettega è raccolta da Fabrizio Tabaton, che aggiudicandosi due vittorie assolute nei rally Targa Florio e Coppa Liburna precedette Carlo Capone a parità di punteggio finale, ma con un secondo posto in più. Tabaton si laurea campione all’ultima gara: il Giro d’Italia. Alla viglia le sorti del campionato sono in mano a Capone, compagno di scuderia di Tabaton, ma il piemontese si accontenta del terzo posto nella classifica di gara, quando gli sarebbe vicendo ben sette gare su dieci, e classificandosi anche primo nella classifica speciale Under 23. Non dobbiamo dimenticare gli ottimi avversari: Comelli e Vittadini ed un Cinotto al quinto posto assoluto che ritroveremo vincitore nel 1980. Michele Cinotto è il campione della quarta edizione davanti a Caneva, Zini e Pelli e si mette in evidenza vincendo 5 gare su 10. Non viene offerta a Cinotto l’opportunità di partecipare al Rally Valle d’Aosta con una vettura del Gruppo Fiat ma viene contattato da alcune case costruttrici per la stagione successiva. Con la quinta stagione si raggiunge il risultato di 2007 partenti in 56 rally con oltre 400 kit di preparazione venduti in 5 anni. Il vincitore, Paolo Fabrizio Fabbri, deve lottare non poco contro gli agguerriti Sponga e Canobbio, vincendo quattro gare su dieci e piazzandosi al secondo posto in due gare. Le prove del Campionato 1981 sono: Targa Florio, Costa Smeralda, Isola d’Elba, 4 Regioni, Lana, Ciocco, Colline di Romagna, Piancavallo, Sanremo, San Marino. Il 1982 è l’anno della vittoria di Daniele Signori, con De Paoli e Canobbio che lottano fino all’ultima gara, il Rally San Marino: poi i migliori piazzamenti decidono il risultato finale. Con la settima edizione Piero Canobbio finalmente vince il campionato A112 Abarth raccogliendo sei vittorie su dieci, lottando alla pari con Andolfi e Salvan. Canobbio, meccanico della Scuderia del Grifone, ha vinto la sua prima gara nel 1981, Rally Isola d’Elba: epica l’assistenza in gara cambiandosi la crociera di un semiasse. Non avendo a disposizione nulla per sollevare la sua A112 la rovesciò su un fianco, la riparò e vinse la sua prima gara. Prove valevoli per il campionato A112 Abarth 70 Hp 1983: Targa Florio, Costa Smeralda, 4 Regioni, Lana, Ciocco, Colline di Romagna, Piancavallo, Sanremo, 100.000 Trabucchi, San Marino. L’ultima stagione è stata l’apoteosi di Pietro Corredig, l’unico pilota che ha partecipato a tutte le edizioni del campionato. Con la vittoria al Rally di Sanremo “il nonno” Pietro ha così potuto suggellare la fedeltà al monomarca più seguito del mondo, continuando poi con l’erede: la Fiat Uno 70 e Turbo. Il campionato 1984 chiude un’epoca, al termine della disputa di queste gare: Targa Florio, Costa Smeralda, 4 Regioni, Isola d’Elba, Lana, Colline di Romagna, Piancavallo, San Marino, Sanremo. L’idea iniziale si concretizzò a tal punto che le partecipazioni in 85 gare superarono abbondantemente le 3000 presenze e tanti campioni a livello nazionale, europeo e mondiale riuscirono ad emergere. In tal modo, l’obiettivo principale che era una scuola-vivaio di giovani piloti rallisti estendendo la possibilità di partecipazione e di selezione al maggior numero possibile di appassionati si concretizzò. Si ottiene sempre una selezione severissima di valori in campo poiché la partecipazione così numerosa era anche dovuta al basso costo in confronto ai premi in palio ed alle possibilità future dei migliori *** TUTTI I CAMPIONI *1977 Attilio Bottega *1978 Fabrizio Tabaton * 1979 Franco Cunico *1980 Michele Cinotto *1981 Paolo Fabrizio Fabbri *1982 Daniele Signori *1983 Piero Canobbio *1984 Pietro Corredig >>

articolo assemblea: Laura Lodi >> articolo Storia del trofeo A112 Abarth:i Luca Gastaldi << fotografie e copyright: Marco Lerda >> 20 APRILE 2008 >>

Articoli simili